Il mensile pratico del mare sabato, 17 febbraio 2018

Per Soldini e Maserati
aumenta il vantaggio


07-02-2018

La scelta di una rotta alternativa per risalire l'Atlantico sta premiando il trimarano italiano impegnato nella caccia al record sulla Rotta del tè.

Per Soldini e Maserati
aumenta il vantaggio

Dopo quasi 20 giorni di navigazione è di 1.662 miglia il vantaggio di Maserati sul tempo di riferimento della tratta Hong Kong - Londra. Il Mod 70 al comando di Giovanni Soldini continua la  corsa verso il traguardo per strappare il record sulle 13.000 miglia della Rotta del tè stabilito nel 2008 da Lionel Lemonchois a bordo di Gitana 13. In queste ore il trimarano italiano sta risalendo l'oceano Atlantico con prua 308 gradi e una velocità prossima ai 16 nodi. Mancano poco più di 4.500 miglia all'arrivo e nelle prossime ore si dovranno valutare le migliori opzioni per affrontare la zona di convergenza delle calme equatoriali.

La strategia, come dichiarato dallo skipper milanese, è di «superare l’Equatore intorno a 10 gradi di longitudine e proseguendo poi verso la Guinea, si risparmiano molte miglia rispetto all’opzione Ovest, ma non è solo una scorciatoia. Dovremmo guadagnare almeno 24-36 ore uscendo all’altezza del Senegal con un angolo migliore rispetto all’Aliseo da Nord Est per poi andare verso le Azzorre, girare l’alta pressione e prendere un fronte per l’Inghilterra”. Soldini è il suo equipaggio hanno intrapreso una scelta alquanto originale, decidendo di navigare in prossimità delle coste africane piuttosto che intraprendere la consueta rotta che porta verso il Brasile. Una decisione che Soldini ha spiegato così: «Avevamo due opzioni. Una di passare l’Equatore dove si passa sempre, cioè tra 30 e 27 gradi Ovest di longitudine (più vicino al Brasile che al continente africano quindi) oppure la possibilità di seguire una rotta molto più vicina alle coste dell’Africa. Tutti i modelli sono d’accordo, alla fine ce la giochiamo e puntiamo su questa rotta poco comune che non ho mai fatto ma che dovrebbe funzionare bene». Una scelta che sta pagando, come dimostra l'incremento del vantaggio fatto registrare nelle ultime ore.

Giovanni Soldini e il suo equipaggio composto dal francese Sébastien Audigane, Guido Broggi e gli spagnoli Oliver Herrera e Alex Pella sono salpati da Hong Kong il 18 gennaio. La conquista del record poteva essere compromessa il 28 gennaio, quando l'urto con un oggetto alla deriva ha rotto il timone di dritta. Un danno che fortunatamente è stato riparato a bordo senza perdere troppo tempo.

Link: