Il mensile pratico del mare martedì, 23 gennaio 2018
Post precedente: Istruttore di vela: un lavoro

Cantiere del Pardo in acque agitate


22-01-2018 Fabrizio Coccia

Per lo storico marchio della vela italiana prima arriva una condanna di plagio, poi si diffondono voci di vendita. Che succede?

Cantiere del Pardo in acque agitate

Prima una sentenza che lo accusa di plagio, poi voci di mercato che lo danno in vendita. Per il Cantiere del Pardo, storico marchio italiano della vela, il 2018 è iniziato in modo piuttosto turbolento. Ad agitare le acque è stata una ordinanza del Tribunale di Genova che lo scorso 16 gennaio ha ritenuto responsabile il costruttore di concorrenza sleale accusandolo in pratica di avere copiato un modello del cantiere Hanse Yachts. A essere incriminato è il Pardo 43, la prima barca a motore che questo cantiere, dal tradizionale dna velico, ha deciso di commercializzare dallo scorso anno. Uno scafo molto simile al Fjord 42 del gruppo tedesco Hanse Yacht. Forse troppo.

Tanto da dare il via a una azione giudiziaria che per il momento vede soccombere il costruttore italiano a cui i giudici hanno intimato il divieto di produrre, pubblicizzare, detenere, esporre, promuovere e vendere lo scafo sul territorio italiano. «Pur rispettando l'ordine – ha dichiarato il cantiere in un comunicato stampa – confidiamo che questa decisione verrà annullata in appello nelle prossime settimane, poiché siamo sicuri di esserci comportati correttamente e nel rispetto delle regole della concorrenza». Ce lo auguriamo. Intanto però c'è da registrare una curiosa coincidenza.

Nello stesso giorno in cui usciva la sentenza di Genova il quotidiano economico “Milano Finanza” usciva infatti con una clamorosa anticipazione: “Trevi: in vendita il Cantiere del Pardo”. In realtà un breve trafiletto nel quale si annuncia un progetto di ristrutturazione finanziaria del Gruppo Trevi, del quale fa parte la famiglia Trevisan, che secondo il giornale potrebbe coinvolgere anche il cantiere velico, controllato dalla stessa famiglia. Un annuncio peraltro subito smentito dal cantiere. Ma allora chi ha interesse a intorbidire le acque?

Nella foto di apertura il Fjord 42 (in alto) e il Pardo 43 (in basso).