Il mensile pratico del mare domenica, 14 agosto 2022

Privilège 42

Privilège 42
  • Dettagli tecnici:
  • Lunghezza: 12,80m
  • Larghezza: 7,00m
  • Pescaggio: 1,20m
  • Peso: 9,50t
  • Velatura: 101,00mq

Tipo: Multiscafo

Cantiere: JEANTOT Marine , Francia

Progettista: Marc Lombard

Disegnato nel 1995 dal francese Marc Lombard, il “Privilège 42” si distingue per le finiture di pregio e la vivibilità degli ambienti interni ed esterni

 

IL MARCHIO FRANCESE JEANTOT Marine con sede a Les Sables d’Olonne, diventato nel 1996 Alliaura Marine grazie alla fusione con la SGGR (Société de Gestion du Groupe Rabineau), si è sempre distinto tra i leader mondiali nella costruzione di catamarani di alta gamma che abbinano le caratteristiche tecnologiche delle barche sportive con il comfort richiesto nella navigazione crocieristica. Non fa eccezione il Privilège 42, uscito appena l’anno prima (nel 1995) e disegnato da Marc Lombard: un multiscafo moderno ed elegante, che in poco meno di 13 metri riunisce una serie di doti apprezzabili che vanno dalla qualità della costruzione, alle buone prestazioni a vela, dalla disposizione accurata delle attrezzature di coperta, al pregio delle rifiniture degli spazi. Gli scafi e la tuga sono realizzati in sandwich di vetropoliestere e composito Airex laminato sottovuoto: materiali e tecniche di costruzione sofisticate che assicurano rigidità e nello stesso tempo contengono il dislocamento sotto le 10 tonnellate. Ben dimensionato il piano velico (l’altezza dell’albero è di 16,50 m) con randa interamente steccata e dalla forma leggermente allunata e genoa al 130 per cento (ossia sovrapposto del 30 per cento alla randa). Anche l’ubicazione e la taglia di winch e strozzascotte è stata studiata in modo da essere funzionale alle manovre anche in caso di equipaggi ridotti: basta una sola persona per alzare e ammainare la randa e la regolazione di entrambe le vele può essere agevolmente controllata da chi è al timone senza difficili contorsioni. Il piano di coperta del Privilège 42 risulta meno imponente rispetto agli altri catamarani della stessa lunghezza, eppure riserva all’equipaggio estese aree utilizzabili come camminamento, grazie all’efficace antisdrucciolo, e destinate al relax, a partire dall’ampia zona poppiera quasi interamente riparata dal bimini (solo la zona del timone è scoperta per garantire la visibilità durante le manovre). Il pozzetto è inoltre attrezzato con tavolo a forma di “C” completo di sedute per sei persone. Unico neo, la mancanza di una vera e propria seduta del timoniere che rende poco confortevoli i lunghi turni di guardia alla condotta della barca. Sulla prua sono posizionati due trampolini a rete che possono ospitare entrambi fino a quattro persone. La struttura centrale, caratteristica di tutti i multiscafi Privilège, presenta una tuga pronunciata che consente di utilizzare al massimo i volumi interni che si dividono in quattro cabine doppie disposte in maniera originale, trasversalmente alla barca, ciascuna con bagno riservato e completo di doccia. Tra gli allestimenti c’è anche una cucina nello scafo di sinistra con il piano di cottura frontale rispetto ai lavelli, il grande quadrato sul quale si apre l’accesso sotto coperta (allo stesso livello) completo di tavolo in teak lungo 1,80 metri e affiancato dall’angolo per il carteggio. Da segnalare anche i locali che ospitano i due motori Yanmar da 27 hp: voluminosi, accessibili dal pozzetto, permettono una facile ispezione anche con onda e soprattutto sono completamente isolati dagli altri ambienti evitando così rumori e odori sgradevoli all’equipaggio. Infine le prestazioni a vela del Privilège 42: maneggevole e precisa la ruota del timone, discreta la capacità di risalire il vento e piuttosto agevole la virata; meno apprezzabile invece la scarsa altezza sull’acqua della struttura centrale, soluzione che può risultare penalizzante in caso di mare formato.