Il mensile pratico del mare lunedì, 08 agosto 2022

Twist

Twist
  • Dettagli tecnici:
  • Lunghezza: 6,50m
  • Larghezza: 3,30m
  • Pescaggio: 0,48m
  • Peso: 400t
  • Velatura: 23,00mq

Tipo: Monoscafo

Cantiere: Cantiere Naval Force 3, Francia

Progettista: Samuel Boudon e Patrick Roseo

Veloce imbarcazione carrellabile di 6,50 metri, leggera, maneggevole e con soluzioni ingegnose

6,5Il Twist (6,50 M) é un catamarano veloce, accogliente, carrellabile e adatto al camping costiero. Realizzato a partire dal 1986 dal Cantiere Naval Force 3 di La Rochelle, Francia, si è subito imposto all’attenzione dei diportisti (nello stesso anno venne eletto “barca dell’anno”) grazie alle diverse soluzioni progettuali messe a punto dall’architetto Samuel Boudon in collaborazione con Patrick Roseo. Solido e leggero (il suo peso totale è di 400 chilogrammi), ha scafi e traverse costruite in sandwich di poliestere e schiuma di pvc stampata sottovuoto, mentre la piattaforma centrale è composta da una struttura in sandwich a nido d’ape. Inoltre a garantire l’inaffondabilità della barca le estremità di ciascuno scafo (poppa e prua) contengono sezioni interne con iniezioni a schiuma di poliuretano. Buone prestazioni a vela, maneggevolezza, facilità di alaggio e trasporto sono i suoi punti di forza. Il piano velico può contare su una randa di 17 metri quadrati e un fiocco che con i suoi 6 metri quadrati, non ha bisogno di winch per essere regolato: bastano i normali strozzascotte come nelle derive. Nelle andature portanti è possibile issare anche un gennaker di 16 metri quadrati. Alle classiche derive, il progettista ha preferito chigliette direzionali sagomate nello stampo degli scafi, una soluzione questa che se nelle basse velocità comporta un minimo di scarroccio in più, agevola le virate che notoriamente sono il punto debole dei multiscafi. Con vento fino a 20 nodi il Twist offre una navigazione stabile, confortevole grazie al pozzetto rigido e divertente, anche se necessita di un timoniere con esperienza di multiscafi. In generale si presta più a crociere sottocosta che a navigazioni d’altura. Ed è proprio lungo spiagge e baie che se ne apprezzano il pescaggio moderato (0,48 m) e la facilità di alaggio: in prossimità del bagnasciuga o di scivoli, infatti, si possono montare delle ruote direttamente sugli scafi e spingerlo a terra per la notte o in attesa del bel tempo. All’interno degli scafi trovano spazio due cuccette, pratiche anche se un po’ sacrificate con una larghezza di 80 centimetri e un’altezza di 1,20 metri. Sotto ogni cuccetta ci sono dei gavoni per stivare bagagli e attrezzature, mentre nello scafo di destra un gavone contiene un fornello e un lavello. L’areazione degli interni invece lascia un po’ a desiderare per la mancanza di oblò apribili. Il comfort di bordo può essere migliorato grazie a una tenda a igloo che si monta sul trampolino di prua quando si è in rada o di notte: ben tesata resiste tranquillamente anche al vento forte. Completa gli interni un gavone all’estremità poppiera della coperta che ospita il fuoribordo. Ingegnoso infine il sistema previsto per ripiegare gli scafi e facilitare il trasporto del Twist: le due traverse centrali, quella principale e quella di poppa, sono dotate di due cerniere, cosicché entrambi gli scafi possono essere ruotati all’insù, riducendo la larghezza del catamarano dai 3,30 metri da navigazione ai 1,90 metri da trasporto. L’ingombro e il peso contenuti permettono al Twist di essere trainato sul carrello anche da un macchina utilitaria. Due persone adulte sono in grado di smontarlo senza l’impiego di attrezzi né mezzi di leva particolari e issarlo sul carrello di trasporto in meno di 20 minuti.