blu
Il portale pratico del mare venerdì, 12 aprile 2024

Clarisse Crémer
scagionata


04-03-2024

Accusata di aver beneficiato di routing esterno nel corso del Vendée Globe del 2020-21 la velista francese è stata riconosciuta innocente dalla Federazione francese della vela

Clarisse Crémer
scagionata
Clarisse Crémer, la navigatrice francese già balzata alle cronache nel 2023, quando il suo storico sponsor Banque Populaire la licenziò perché in maternità, era tornata sotto i riflettori lo scorso febbraio dopo essere stata accusata, da un email anonimo, di aver beneficiato di routing esterno nel corso del Vendée Globe del 2020-21. Ciò contravvenendo, in base all'accusa, al regolamento di tutte le regate del circuito Imoca.
Il fatto, emerso dal nulla a tre anni di distanza dal giro del mondo, avrebbe visto coinvolto suo marito Tanguy Le Turquais con cui la Crémer si sentiva regolarmente nel corso della gara.
 
Ascoltata dalla giuria della Federazione francese della vela sabato 2 marzo, la navigatrice è stata infine scagionata all'unanimità perché i fatti non sussistono
Un lieto fine per la 33enne parigina, dopo il polverone sollevato Oltralpe che aveva visto anche Michel Desjoyeaux (da sempre al fianco di Banque Populaire) prendere posizioni nette contro di lei (come del resto fece nel 2023 per il "caso maternità").
 
Ora, sostenuta da L'Occitane en Provence, la Crémer, potrà riprendere più serenamente gli allenamenti in vista del prossimo Vendée Globe in partenza da Les Sables d'Olonne il prossimo 10 novembre.
 
 

© Riproduzione riservata