Il mensile pratico del mare domenica, 05 dicembre 2021

Jacques Vabre: “Primonial”
primo tra gli OceanFifty


23-11-2021

Sébastien Rogues e Matthieu Souben hanno vinto la transatlantica dalla Francia alla Matinica tra multiscafi di 15 metri. Atteso nelle prossime ore anche il primo dei maxi Class Ultime.

Jacques Vabre: “Primonial”
primo tra gli OceanFifty

Alle prime ore del 23 novembre il classe OceanFifty “Primonial” ha tagliato il traguardo della 15° edizione della Transat Jacques Vabre, transatlantica partita l'8 novembre da Le Havre con un inedito arrivo in Martinica e una nuova formula che prevede tre percorsi differenti per le 4 classi in gara (OceanFifty, Ultime, Class 40 e Imoca 60). Il multiscafo di 15 metri condotto dal duo francese Sébastien Rogues e Matthieu Souben ha impiegato 15 giorni, 13 ore e 27 minuti per coprire le 5.800 miglia del percorso, battendo con circa 2 ore e 30 minuti di vantaggio il tre volte vincitore di classe Erwan Le Roux, che a bordo di “Koesio”, e insieme al co-skipper Xavier Macaire, aveva condotto la prima parte della gara. Terzo al traguardo “Leyton” dell'equipaggio Sam Goodchild e Aymeric Chappellier, mentre sono ancora in gara altri quattro team che dovrebbero arrivare in serata.

Tra poco più di due ore dovrebbe concludere la regata anche “Maxi Edmond De Rothschild”. Il trimarano di 32 metri con al timone Franck Cammas e Charles Caudrelier si trova a 58 miglia dal traguardo, con un vantaggio di circa 150 miglia su “Banque Populaire XI” di Armel Le Cléac'h e Kevin Escoffier dopo quasi 7.500 miglia di regata. Ci vorrà invece ancora qualche giorno per l'arrivo dei monoscafi, tra cui gareggiano anche due italiani in gara. La testa della flotta degli Imoca 60 si trova a 635 miglia dall'arrivo, con l'apripista “Linkedout" di Thomas Ruyant e Morgan Lagravière che ha un solido vantaggio (163 miglia) su “Apivia” di Charlie Daline e Paul Meilhat. Decimo posto per Giancarlo Pedote e Martin Le Pape; il velista italiano al timone di “Prysmian Group” non è riuscito a colmare il ritardo accumulato nella prima parte della regata e procede con oltre 900 miglia di ritardo sul primo. Flotta più compatta invece nei Class 40 dove in testa c'è “Redman” di Antoine Carpentier e Pablo Santurde Del Arco cha ha ancora davanti alla prua 1.387 miglia. Occupa momentaneamente la 11° posizione "Guidi", il team con l'italiano Andrea Fantini ha 92 miglia di ritardo, ma molto tempo per recuperare sui primi.

Link: