Il mensile pratico del mare mercoledì, 08 aprile 2020

Sardegna vietata per Covid-19.
Fermati in mare 3 velisti


19-03-2020

Un navigante di Lodi è stato costretto alla quarantena fiduciaria a bordo del suo natante; denunciati penalmente all’Autorità Giudiziaria di Sassari altri due diportisti

Sardegna vietata per Covid-19. 
Fermati in mare 3 velisti

"Io resto a casa", un motto che è divenuto una necessità. Ciò nonostante c'è qualcuno che per mare ha continuato a veleggiare. È il caso di un lodigiano, di cui non sono state rivelate le generalità, fermato il 17 marzo dalla Guardia di finanza del reparto operativo aeronavale di Cagliari che si trovava a navigare in Sardegna e a cui è stato imposto il regime di isolamento fiduciario a bordo del proprio natante, senza la possibilità di spostamento o contatto con alcuno, salvo che per necessità indispensabili.

L'uomo era sbarcato in Sardegna prima dell'emanazione dell'ultimo decreto “io resto a casa”, aveva raggiunto la propria imbarcazione nel Porto di Stintino (Sassari) e sospinto dal vento era arrivato a Castelsardo, pronto a proseguire verso Santa Teresa di Gallura.

La restrizione applicata al velista di Lodi appare quindi esagerata dato che, come confermato dal Ministero dei Trasporti non ci sarebbero specifiche indicazioni nel DPcm del 9 marzo sull'utilizzo della barca, salvo il fatto che per arrivare alla barca stessa sia necessario spostarsi quindi contravvenire al divieto di spostamento non necessario. "Infrazione" che il velista lombardo non poteva aver commesso spostandosi esclusivamente via mare ma che evidentemente si scontra con un'ordinanza emanata dal Presidente della Regione Sardegna il 14.03.2020, secondo la quale tutti i soggetti in arrivo e in partenza dall'isola hanno l’obbligo di compilare e inviare on line una richiesta di autorizzazione per limitare l'ingresso solo per comprovate esigenze lavorative, spostamenti per motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Nell'isola sarda in particolare lungo la tratta Bonifacio – Santa Teresa di Gallura sono stati interrotti i servizi di trasporto passeggeri e merci e il comparto navale della Guardia di Finanza ha attivato dei servizi specifici in mare, proprio per scongiurare un possibile traffico marittimo non controllato e, di conseguenza pericoloso, oltre che non autorizzato.

Il caso del turista lodigiano non è l'unico.
Sempre il 17 marzo lungo le coste di Alghero altri due velisti sono stati fermati mentre veleggiavano con la loro imbarcazione da diporto. In questo caso, i due sono stati denunciati penalmente all’Autorità Giudiziaria di Sassari, perché avevano effettuato spostamenti sul territorio comunale prima di raggiungere la loro imbarcazione, un’iniziativa che non rientra tra le comprovabili esigenze lavorative, di salute o di necessità.