Il mensile pratico del mare giovedì, 18 luglio 2019

"America's Cup":
è italo-maltese il 4° sfidante


07-12-2018

Il 6 dicembre il Royal New Zealand Yacht Squadron, detentore della Coppa America, ha comunicato di avere accettato la candidatura del team "Malta Altus Challenge".

"America's Cup":
è italo-maltese il 4° sfidante

Il Royal Malta Yacht Club sarà il quarto sfidante della 36° America's Cup, la prestigiosa sfida velica in programma nel marzo del 2021 in Nuova Zelanda. A darne comunicazione il 6 dicembre è stato il Royal New Zealand Yacht Squadron, club detentore del trofeo. Nasce così il “Malta Altus Challenge”, team italo-maltese condotto dall'imprenditore Pasquale Cataldi che va a unirsi agli italiani di “Luna Rossa”, gli statunitensi di “American Magic” e gli inglesi di “INEOS Team UK”. È la prima volta, in 167 anni di storia del trofeo, che la piccola Malta partecipa all'America's Cup. D'altro canto il Royal Malta Yacht Club è uno dei più antichi e prestigiosi circoli velici del Mediterraneo. Fondato nel 1835 è conosciuto nel circuito delle regate internazionali sopratutto per essere l'organizzatore della “Middle Sea Race”, la regata di 606 miglia che parte e arriva La Valletta dopo aver circumnavigato in senso antiorario la Sicilia.

Una partecipazione maltese, che però nasce in Italia, ha al vertice un italiano, e soprattutto ha obiettivi a lungo termine, come ha dichiarato lo stesso Cataldi: «Il nostro obiettivo è di prendere parte alle prossime tre edizioni della Coppa, costruendo un team forte e strutturato così da inaugurare un ciclo della vela con la bandiera di Malta, profittando anche dell’avvento di una nuova classe di barche, opportunità che vede tutti partire più o meno dallo stesso livello. L’idea è quella di puntare e sviluppare talenti locali, sia a livello sportivo sia di ingegneria e di costruzione navale ". Ancora nessun nome sui possibili componenti della squadra, ma il team completo e ulteriori informazioni sul nuovo sindacato dovrebbero essere annunciati a Malta entro il primo trimestre del 2019.

La sfida lanciata dal Royal Malta Yacht Club è stata la prima delle otto nuove preiscrizioni arrivate in ritardo (la scadenza era il 30 novembre) a essere vagliate dal Royal New Zealand Yacht Squadron, ciò vuol dire che nelle prossime settimane potrebbero essere ammessi altri team alla competizione. Intanto anche Grant Dalton, Ceo del Defender Emirates Team New Zealand, ha salutato i nuovi arrivati: «Siamo felici di dare il benvenuto al Royal Malta Yacht Club e al “Malta Altus Challenge” alla 36° America's Cup. Dopo la Nuova Zelanda, sono ora loro il paese più piccolo da sfidare. Sappiamo cosa vuol dire essere una piccola squadra che si trova ad affrontare una delle più grandi competizioni sportive e auguriamo loro il meglio».

Link: