Il mensile pratico del mare lunedì, 18 ottobre 2021

Barcolana vincono
Arca e la Bora


11-10-2021

Raffiche fino a 47 nodi hanno spinto l'organizzazione a ridurre il percorso e ad annullare la prova per le barche più piccole. Primo al traguardo il 33 metri di Furio Benussi

Barcolana vincono
Arca e la Bora
Ore 11.54 di domenica 11 ottobre: l'organizzazione comunica che per le categorie delle imbarcazioni più piccole (2, 3, 4, 5, 6 e 7) la regata è da considerarsi interrotta a causa delle raffiche di Bora che hanno raggiunto i 47 nodi e che hanno causato danni a diverse imbarcazioni nonché la caduta di un uomo a mare (tratto poi in salvo in extremis da una motonave turistica dirottata sul luogo).
Una conclusione con l'amaro in bocca per chi comunque, come Umberto Giugni, l'armatore di Fra Diavolo che ci scrive piuttosto arrabbiato, sostiene (documenti alla mano), di aver tagliato il traguardo un minuto prima che la gara fosse ufficialmente annullata. E protestano in tanti tra i 1.200 partecipanti che sono stati estromessi dal gioco, tra chi avrebbe voluto continuare e chi posticipare l'evento.
 
"Una regata molto impegnativa per i team in mare e gli organizzatori – ha dichiarato il presidente della società velica Barcole e Grignano Mitja Gialuz – nella quale il Comitato di regata ha preso decisioni sportive giustamente conservative, che hanno risposto prima di tutto alle esigenze di sicurezza". Insomma, quando c'è la Bora che spazza il Golfo di Trieste è difficile non scontentare nessuno.
 
Fatto sta che la più affollata regata del mondo che aveva registrato per questa 53 edizione l'adesione di 1.562 barche, si è trasformata infine in un breve match tra Mega Yacht, Super Maxi, Maxi 0 e 1.
A tagliare per primo il traguardo, dopo appena 47 minuti di navigazione, è stato Arca (33 metri) di Furio Benussi con Lorenzo Bressani alla tattica; secondo Way Of Life di Gasper Vincec (27 metri); terzo Maxi Jena (25 metri) con al timone Milos Radonjic.