Il mensile pratico del mare mercoledì, 12 dicembre 2018

“Jacques Vabre”
Macif ritirato


22-11-2013

I francesi François Gabart e Michel Desjoyeaux al comando tra gli Imoca 60 il 21 novembre si sono dovuti arrendere dopo la perdita dell'albero. Ai connazionali Erwan Le Roux e Yann Elies la vittoria in categoria Multi 50.

“Jacques Vabre”
Macif ritirato

L'oceano non fa sconti a nessuno, nemmeno a chi si sente la vittoria già in tasca. Questa volta a farne le spese sono stati i fuoriclasse François Gabart e Michel Desjoyeaux impegnati a bordo dell'Imoca 60 “Macif” nella “Transat Jacques Vabre”, transoceanica dalla Francia al Brasile, che hanno disalberato nelle prime ore del 21 novembre quando si trovavano a 140 miglia da Salvador de Bahia, Brasile. I due francesi al momento dell'incidente erano al comando nella propria classe, fortunatamente il disalberamento non ha provocato nessun danno ai due velisti che si sono subito liberati dell'estruso finito in acqua prima di avvertire il comitato di regata del sinistro e del conseguente abbandono della regata. Messa in sicurezza la barca i due skipper hanno fatto rotta verso la città brasiliana grazie a un armo di fortuna.

Il ritiro dei leader della flotta ha permesso a “Prb” di Vincent Riou e Jean Le Cam di prendere il comando della flotta, con un vantaggio di 36 miglia su “Safran” di Marc Guillemot e Pascal Bidégorry, mentre il nostro Alessandro di Benedetto in coppia con Alberto Monaco a bordo di “Team Plastique” si trova in 9° posizione, con un ritardo di 870 miglia.

Nessun imprevisto invece per i francesi Erwan Le Roux e Yann Elies, che a bordo di “FenêtreA Cardinal” all'alba del 21 novembre hanno tagliato il traguardo di Itajai (Brasile), aggiudicandosi la vittoria nella categoria Multi 50. L'italiano Andrea Mura in coppia con il francese Gilles Lamiré a bordo di “Rennes Metropole/Saint-Malò Agglomeration” è ha 1.130 miglia dall'arrivo.

In Class 40 continua con caparbietà la regata di “Bet 1128” di Gaetano Mura e Sam Manuard nonostante l'incidente che martedì 19 novembre al largo di Capo Verde ha causato ai due skipper la perdita dello spinnaker e la rottura del bompresso. Pur avendo le “armi spuntate” i due velisti mantengono la 12° posizione, con circa 80 miglia di vantaggio su “Fantastica” di Stefano Raspadori e Pietro D'Alì. Al comando ci sono i francesi Sèbastien Rogues e Fabien Dlahaye su”Gdf Suez”.

Link: