blu
Il portale pratico del mare sabato, 25 maggio 2024

Marie Tabarly
prima a Southampton


11-04-2024

La navigatrice francese e il suo Pen Duick VI hanno vinto la quarta e ultima tappa della Ocean Globe Race. Ancora incertezza sul vincitore dell'intero giro del mondo in equipaggio

Marie Tabarly
prima a Southampton
Pen Duick VI al comando della skipper francese Marie Tabarly ha vinto la quarta e ultima tappa del giro del mondo in equipaggio Ocean Globe Race. La figlia del celebre navigatore francese e il suo equipaggio hanno tagliato il traguardo di Southampton il 12 aprile alle ore 22:52 dopo aver navigato in testa alla flotta per tutte le 6.550 miglia che separano il porto inglese da Punta del Este (Uruguay) da dove la regata era ripartita lo scorso 5 marzo.
Una chiusura in bellezza per il team d'Oltralpe che ha letteralmente sbancato in quest'ultima prova con la prima posizione in tempo reale, in categoria Icr e in classe Flyer (riservata a barche che hanno preso parte alle precedenti Whitbread o di particolare interesse storico).
 
Seguono a circa 350 miglia dal traguardo i connazionali di L'Esprit d'Equipe ma, salvo stravolgimenti dell'ultima ora, il promesso vincitore dell'intero giro del mondo dovrebbe essere Triana al comando di Jean d’Arthuys che ha accumulato i migliori piazzamenti in tempo compensato (una vittoria e un secondo posto) nel corso di quattro prove corse. Il condizionale però è d'obbligo perché lo Swan 53 francese è la barca più piccola e lenta della flotta e, incappata a inizio gara in una bolla di alta pressione durata 6 giorni, naviga ora a circa 1.300 miglia dall'arrivo con l'equipaggio stremato per giunta a corto di cibo. 
Considerando i tempi compensati attualmente la barca francese, ha circa due giorni di vantaggio su Maiden di Tracy Edwards e il distacco tra quest'ultima e il Pen Duick VI è di appena due ore. I giochi, insomma, sono ancora tutti da fare
 
Quel che è certo è che per tutti loro è stata determinante l'uscita di scena di Translated 9, lo Swan 65 di Marco Trombetti che aveva vinto le prime due tappe e che è stata costretta ad abbandonare definitivamente la regata lo scorso 5 aprile, dopo che le crepe che si erano presentate sull'opera viva dopo Capo Horn e che erano state riparate alle isole Falkland, si sono riaperte quando la barca, di nuovo prima in Irc, si trovava ormai nel Nord Atlantico.
Gli italiani hanno riparato a Madeira in Portogallo dove stanno effettuando gli interventi di riparazione prima del rientro in Mediterraneo.
 
Nel frattempo gli onori, almeno per questa tappa vanno alla 40enne francese Marie Tabarly, talentuosa figlia d'arte. Chapeau!

© Riproduzione riservata

Link: