Il mensile pratico del mare mercoledì, 25 novembre 2020

Oceanis 473 italiano
disperso in Atlantico


04-05-2018

Sono in corso le ricerche di "Bright" uno sloop di 14,70 metri che avrebbe lanciato un allarme Epirb a 300 miglia dalle Azzorre. Appello a tutti i velisti per avviare un tam tam mediatico e diffondere la notizia.

Oceanis 473 italiano
disperso in Atlantico

Secondo quanto pubblicato dalla testata portoghese Açoriano Oriental un aereo C-295 dell'Aeronautica Militare portoghese, la corvetta António Enes, due navi mercantili e un peschereccio sarebbero alla ricerca di una imbarcazione battente bandiera italiana di cui si sono perse le tracce circa 330 miglia nautiche a Est di Sao Miguel, alle Azzorre. In base a quanto è stato comunicato dal Centro di ricerca e soccorso marittimo di Ponta Delgada (MRCC), il segnale d'allarme sarebbe stato inviato con l'Epirb mercoledì 2 maggio alle 13:48 ora locale.

A bordo di Bright, un Benétéau Oceanis 473 (14,73 m) bianco con profili e spryhood bordeaux di una nota compagnia di charter italiana che abbiamo contattato e che ha confermato la notizia, ci sono due membri d'equipaggio entrambi italiani.
La fonte del Centro di ricerca e soccorso marittimo di Ponta Delgada avrebbe dichiarato che nell'area di ricerca "sono stati trovati tre giubbotti di salvataggio, ma non c'è nessuna evidenza che appartengano all'imbarcazione scomparsa".
Conforta il fatto che le condizioni meteorologiche sono tutt'altro che proibitive, con venti deboli e mare calmo. La speranza è che l'allarme sia stato lanciato per errore.
Le ricerche proseguono in un'area di 300 miglia nautiche quadrate. Nel frattempo invitiamo tutti i velisti ad avviare un tam tam mediatico con ogni mezzo a disposizione. Chiunque riuscisse a reperire notizie è pregato di segnalarle tempestivamente alla Guardia Costiera Italiana.