Il mensile pratico del mare giovedì, 21 marzo 2019

Australia: una marea di detriti
minaccia la Grande Barriera


15-02-2019

L'inondazione che ha colpito la parte Nord est del continente portando morte e devastazione si è estesa fino a 37 miglia dalla costa compromettendo il fragile ecosistema

Australia: una marea di detriti
minaccia la Grande Barriera
Una marea inquinata ha coperto una parte consistente della Great Barrier, la grande barriera corallina del Queensland, in Australia. È la conseguenza di settimane di piogge torrenziali che hanno generato la più grande inondazione del continente degli ultimi 50 anni.
 
Immagini satellitari della Nasa mostrano chiaramente come il fiume Flinders, abitualmente un corso d'acqua pressoché secco, sia diventato in meno di un mese un corso d'acqua dal potere devastante; sia sulla terraferma, dove ha causato la morte di almeno due persone e 500.000 capi di bestiame, che in mare dove a partire dalla foce nel golfo di Carpentaria ha seguito il suo percorso mescolando per 37 miglia dalla costa terra, detriti e rifiuti all'acqua di mare. Fino appunto a raggiungere la grande barriera corallina, Patrimonio mondiale e riserva di biodiversità che si estende per un'area di 348.700 chilometri (è talmente grande da essere vista persino dallo spazio).
 
Grande preoccupazione ora è destata dal fatto che la marea contaminante ha intorbidito 600 chilometri quadrati di questo inestimabile e fragile sistema intossicandolo e sottraendogli la luce solare.
La speranza, affermano gli scienziati, è che brezze tese consentano in breve un rimescolamento delle acque dileguando la marea e minimizzando i danni, ma su tutta la zona per il momento permane lo stato di una totale assenza di vento.