Il mensile pratico del mare martedì, 17 settembre 2019

Varato il primo AC75
è quello di Team New Zealand


06-09-2019

Il 6 settembre è sceso in acqua ad Auckland (Nuova Zelanda) il primo dei monotipo progettati per la Coppa America.

Varato il primo AC75
è quello di Team New Zealand

Dopo tanti disegni progettuali, rendering e animazioni il 6 settembre è sceso in acqua ad Auckland, Nuova Zelanda, il primo AC75 “vero”. L'antesignano della nuova generazione di monotipo che si contenderanno la Coppa America nel 2021 è del Team Emirates New Zealand, il defender del trofeo, che in questo modo ha vinto la prima sfida anticipando gli altri team in gara. Compresi gli italiani di Luna Rossa, che avrebbero dovuto esordire per primi, il 25 agosto, ma poi hanno deciso di rinviare l'”unveiling”.

The Aihe (il delfino), come è stata battezzata la barca, è stato varato all'alba, un'ora dopo del sorgere del sole e sotto una pioggia battente. Una sorta di tradizione per la squadra dei kiwi visto che molti dei precedenti vari neozelandesi per la Coppa America sono stati “bagnati”. Un buon segno per la cultura Maori che interpreta la pioggia come “lacrime di gioia degli antenati”.Come ci si aspettava l'AC75 è una barca sofisticata, avveniristica, complessa, all'avanguardia sia come soluzioni progettuali che come materiali impiegati. Un concentrato di innovazioni di cui ancora si sa ben poco e che ogni team terrà ben strette. Sicuramente uno scafo unico, senza chiglia o pinne di deriva, ma con due strani bracci mobili che sporgono di 4,5 metri, dotati di foil.

«C'è una grande quantità di innovazione nella progettazione e costruzione dell'AC75 più di quanto abbiamo visto negli AC50 nelle Bermuda – ha detto Dan Bernasconi, responsabile della progettazione neozelandese – L'AC75 è un concetto completamente nuovo e ha presentato molte sfide in molte aree, ma questo è esattamente ciò che la regola è stata pensata per fare, spingere lo sviluppo all'estremo. Non siamo stati conservatori in nessun aspetto del nostro design; non passerà molto tempo prima che dovremmo impegnarci a progettare la nostra seconda barca, quella che alla fine gareggerà nella Coppa America del 2021, quindi dobbiamo testare quante più idee possibili nell scafo che lanciamo oggi».

A differenza degli altri team, New Zealand non ha costruito una barca-prova in scala ridotta, ma ha effettuato ogni test con i simulatori interni. Quindi per l'equipaggio quello in mare sarà un vero battesimo. “Come con qualsiasi nuova barca – ha detto Glenn Asby, skipper del team – si tratta di farla lentamente salire di velocità, imparare a navigare nel modo più efficiente, spingendo lo sviluppo dei progetti e poi mettendo le ore a prepararsi a correre per l'Acws in Sardegna nell'aprile 2020».

 

L'AC 75 neozelandese in numeri:

23 m: la lunghezza
26,5 m : l'altezza dell'albero dalla coperta
11: i membri dell'equipaggio
6,5 t: il peso dello scafo
5 m: la larghezza massima della barca e del pescaggio dei foil abbassati
4 m: l'altezza dei foil dei bracci
65: il numero delle persone che hanno partecipato stabilmente a progetto e costruzione
100.000: le ore lavoro-persona impiegate

Link: