Il mensile pratico del mare martedì, 09 marzo 2021

Olimpiadi di Tokyo
le prime scelte della Fiv


22-02-2021

La federazione della vela ha annunciato i primi 3 equipaggi azzurri che scenderanno in acqua ai Giochi giapponesi del prossimo luglio. Sono quelli del 470 maschile, dell'Ilca 6 e del Nacra 17.

Olimpiadi di Tokyo
le prime scelte della Fiv

Le Olimpiadi di Tokyo si avvicinano (l'inizio è previsto il 23 luglio) e la Fiv comincia a svelare i nomi dei velisti azzurri che saranno presenti in Giappone. I primi tre equipaggi proposti al Coni, cui spetta l'ultima parola sulle convocazioni, sono quelli del 470 maschile, dell'Ilca 6 (l'ex Laser Radial) e del catamarano Nacra 17.

Per il 470, il doppio maschile, sono stati selezionali ai Giochi di Tokyo Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò, entrambi romani e in squadra nella Marina Militare. Non c'erano molte alternative, perché in questi ultimi anni sono sempre stati loro a piazzarsi tra i primi nella flotta azzurra di questa classe (6° ai mondiali del 2017, 9° a quelli del 2018, e di nuovo 6° nel 2019).

Nell'Ilca 6 (il nuovo nome ufficiale assunto dell'ex Laser Radial dopo le lunghe battaglie legali che hanno contrapposto associazione di classe e  produttore delle barche) a scendere in gara nelle acque giapponesi sarà Silvia Zennaro. Per questa veneziana in forza nella squadra delle Fiamme Gialle sarà la seconda olimpiade, avendo già partecipato a Rio 2016. In questo quadriennio la velista ha conquistato un argento ai Giochi del Mediterraneo 2018 e si è classificata 8° all'Europeo 2017 e 9° in quello del 2019.

Più difficile è stata la scelta per il catamarano misto Nacra 17. In questa classe, infatti, l'Italia disponeva di due dei migliori equipaggi al mondo, che negli ultimi anni hanno fatto incetta di successi: Vittorio Bissaro con Maelle Frascari e Ruggero Tita con Caterina Banti. Si è deciso per quest'ultima coppia, che nel quadriennio pre-olimpico ha conquistato 3 titoli europei (2017, 2018, 2020), un mondiale (2018) e ottenuti molti altri ottimi piazzamenti. Un equipaggio sul quale la spedizione azzurra conta molto per salire sul gradino più alto del podio.
Entro marzo verrano resi noti anche i nomi delle altre classi qualificate: 470 femminile e windsurf RS:X maschile e femminile.